Spesa sanitaria regionale toscana: il diritto alla verità

Segreteria provinciale Rifondazione Comunista – Federazione di Firenze, 19 maggio 2016

Il Consiglio regionale si appresta a votare il prossimo lunedì la proposta di delibera relativa al recupero di fondi assegnati alle ASL e non utilizzati. Ci sono due elementi rilevanti in questo atto.

Il primo aspetto è che viene rimandato al mittente, dal MEF, il bilancio certificato della sanità toscana e la quantità dei fondi non spesi nell’anno 2015 (e precedenti).

È uno dei vanti ripetuti del Presidente Rossi quello di avere in sanità il primo Bilancio certificato del Paese. Ora il MEF lo contesta perché sono state messe a bilancio delle poste non certe e questo proprio non si può fare; l’importo è di circa 115 milioni. È verosimile che una cifra analoga entrerà effettivamente, ma allo stato attuale è una stima e se si vuole vantare il Bilancio certificato è necessario mettere dati certi. Eh no, così non si fa.

L’altra questione è per un verso assai più grave: sono stati sottratti servizi ai cittadini toscani per circa 50 milioni di euro. La delibera in approvazione infatti prevede che siano svincolati i fondi vincolati su molti e diversi progetti assegnati alle ASL e da queste non spesi. Si prevede che tali cifre “tornino ad essere considerati contributi sul Fondo Sanitario Indistinto”.

L’allegato alla Delibera riporta quindi, suddivisi per ASL, i progetti e le quote che vengono così reincamerate; da questo si vede che sul problema degli anziani non autosufficienti, che tanto grava sulle famiglie, non sono stati spesi circa 7 milioni di euro che invece stavano nella disponibilità del Bilancio; non va meglio al settore handicap che deve registrare oltre 2 milioni di euro non spesi, come la salute in carcere, gli interventi per la salute mentale, per le dipendenze, per il materno infantile….

Le cure odontoiatriche, che sembravano dover diventare un fiore all’occhiello anche per la ministro Lorenzin, hanno rinunciato a stanziamenti per oltre 2 milioni di euro.

I grandi impegni della nostra Regione: sull’accoglienza Careggi ha rinunciato a più di 1 milione (destinato alla promozione della salute dei migranti) ed il Mayer a 750.000 per iniziare la costruzione della clinica in Palestina.

Il sistema della Medicina di Iniziativa e delle Case della Salute, di cui è stato riempito il Piano sanitario regionale, rinuncia a oltre 3 milioni e mezzo.

La prevenzione oncologica (il centro ISPO) non ha saputo spendere 2 milioni.

Come si vede non si tratta di progetti campati in aria ma di settori di intervento in cui la richiesta da parte dei cittadini è pressante e quotidiana: nella sola ASL di Firenze i soldi non spesi per non autosufficienti (oltre 1.220.000 euro) avrebbero corrisposto la quota sanitaria a circa 70 persone, che invece sono in lista d’attesa e a carico delle famiglie.

C’è stata un’occupazione del Consiglio Regionale pochi mesi fa, che ha fatto scalpore: si trattava delle associazioni Vita Indipendente e Associazione Toscana Paraplegici, che dovevano far sentire la loro voce prima dell’approvazione del Bilancio, perché fosse aumentata la disponibilità delle risorse destinate alla vita indipendente. Quanti di loro avrebbero ottenuto quel contributo con gli oltre due milioni non spesi?

Siamo fra quelli che da anni denunciano il progressivo smantellamento della sanità pubblica: il fatto che in Toscana si proceda per vie diverse da altre Regioni non migliora la questione.

Questa direzione è destinata all’affossamento del sistema pubblico della sanità, i cittadini hanno il diritto e il dovere di conoscere  la verità.

sanità

Commenta via FB
image_pdfimage_print

Lascia un commento