A sostegno della lotta in Cipriani Serramenti

Bagno a Ripoli (FI) 10 settembre 2019

La Federazione Fiorentina del Partito della Rifondazione Comunista esprime tutta la sua solidarietà e il proprio sostegno ai lavoratori della Cipriani Serramenti, fabbrica che produce porte e finestre a Grassina.

L’azienda in crisi dopo sfortunati tentativi nel campo immobiliare, con l’arrivo di un nuovo socio ha dimostrato subito ostilità verso il sindacato nella fabbrica, pensando di rientrare il prima possibile dal proprio investimento tagliando diritti e ledendo la dignità dei dipendenti, pretendendo unilateralmente di tagliare gli stipendi (eliminando i premi previsti nel contratto integrativo) e cancellando la quattordicesima. Apprendiamo da fonti sindacali dell’allontanamento illegittimo di un lavoratore, dell’interruzione del servizio mensa e della previsione di smantellare bagni e docce.

Inoltre la proprietà aziendale, composta dal dottor Alberto Cipriani e dal Gruppo 66 di Fernando Tassi, ha deciso di impedire ai lavoratori di riunirsi in assemblea dentro la fabbrica, come prevede lo Statuto dei lavoratori.

Fanno sapere dalla Fillea Cgil che la situazione sta così gravemente degenerando che si sta per organizzare, per i prossimi giorni, un presidio fuori dai cancelli della fabbrica, con tamburi, megafoni e bandiere. Importante sarebbe la partecipazione di tutta la cittadinanza, in segno di sostegno e solidarietà alla lotta.

Secondo noi quello che accade alla Cipriani Serramenti è sintomatico di un clima sempre più diffuso ed è conseguenza delle azioni di chi ha smantellato in questi anni lo stato di diritto e le più elementari norme di tutela per i lavoratori (si veda l’Articolo 18…) permettendo alla parte datoriale di usare le persone come fossero oggetti di proprietà, facendo profitto riducendo i redditi e i diritti dei lavoratori

Per questo riteniamo che ci sia bisogno di un sostegno della politica, delle istituzioni, della società civile e culturale della città, della provincia e della Regione”.

Potrebbe essere l’occasione per fornire anche all’amministrazione comunale l’occasione di capire meglio cosa succede nel suo territorio e quale involuzione si sta producendo.

Come sempre il Partito della Rifondazione Comunista si schiera dalla parte dei lavoratori e ne sostiene le giuste rivendicazioni, pronti a impegnare le nostre strutture a favore di ogni azione che i lavoratori riterranno necessaria per difendere e riaffermare i propri diritti.

Convinti che cambiare questo stato di cose è un dovere e che sempre di più si avverte la necessità di costruire oggi un fronte contro le politiche liberiste che premettono, quando non favoriscono, fatti come questi. 

In direzione ostinata e contraria.

Roberto Travagli, Responsabile Lavoro PRC Firenze

Immagine da pixabay.com

Commenta via FB
image_pdfimage_print