1 marzo, 8 marzo: due scioperi, due lotte, una alternativa

Il primo marzo e l’otto marzo si terranno due scioperi importanti, fondamentali, che chiamano le comuniste e i comunisti a raccolto, attorno alle lotte dei migranti e delle donne. Le compagne e i compagni saranno nelle piazze di Firenze con un volantino comune ai due appuntamenti, per evidenziare la necessità di tenere unite le diverse istanze per una comune alternativa di società, fondata sulla dignità, la libertà, la solidarietà e la giustizia sociale.

Riportiamo il testo riportato sul retro del materiale che distribuiremo nei prossimi giorni, riportandone anche le immagini.

Unire le lotte, unire le piazze, unire nella solidarietà e nelle conquiste di nuovi diritti!

Primo Marzo

Il senso comune riguardo ad un fenomeno epocale come quello migratorio viene in larga misura formato da un’informazione che ha assunto i paradigmi fondamentali della destra razzista: l’invasione. I migranti hanno assunto per una parte significativa della popolazione italiana e del dibattito pubblico il ruolo di capri espiatori su cui scaricare ogni insicurezza sociale e personale.

All’interno di questo paradigma, la destra produce una equazione semplicissima (i migranti costano e portano via il lavoro, delinquono e qualcuno è terrorista) e le altri parti politiche o “scimmiottano” – come fa Grillo – o inseguono.

Il 2017 si annuncia come l’anno in cui in Italia come nel resto d’Europa, le socialdemocrazie e le coalizioni liberiste che governano i singoli paesi, scelgono di contrastare i populismi xenofobi mostrando di poter “controllare l’immigrazione” con strumenti repressivi ancora più forti.

Il paradigma razzista va quindi contestato alla radice non solo in termini solidaristici e culturali ma sul piano della lotta per l’eguaglianza e per la giustizia sociale, ponendo il tema della ricchezza in termini di conflitto di classe e di lotta del basso contro l’alto. Il tema dei migranti deve coniugare il tema della solidarietà, della costruzione di una identità dialogante, con quello dell’unità di classe.

Otto marzo

La manifestazione del movimento femminista del 26 novembre 2016, contro la violenza sulle donne “Non una di meno”, ha rappresentato un punto alto delle mobilitazioni, radicata implicitamente nella protesta contro la manomissione della Costituzione, ma soprattutto segnata dalla volontà di esprimere l’eccedenza, il di più dei desideri umani di giustizia, dignità, libertà e felicità, l’alterità dirompente del movimento femminista nel suo fluire profondo nella società. Le presenze, i corpi, i visi di quel corteo, le parole scritte o gridate rappresentavano l’incontro fra generazioni e pratiche femministe, una capacità inedita di egemonia sui maschi, una spinta contro la frammentazione. 

Da lì e dalle sempre più forti relazioni internazionali del movimento delle donne scaturisce l’obiettivo dell’ 8 marzo 2017, come giornata di lotta creativa, fuori dai riti della memoria: una giornata di sciopero delle donne, preparata capillarmente.

Non abbiamo nulla da festeggiare, ma tutto da cambiare. Lavoriamo alla riuscita dello sciopero e al fatto che tutti i sindacati confederali e di base proclamino per questo giorno uno sciopero generale, questo anno e gli anni a venire!

Commenta via FB
image_pdfimage_print

Lascia un commento